Come eseguire l’affondo avanti

0
12

In questo breve video ti spiegherò come si esegue l’affondo avanti. Cosi come lo squat, l’affondo è un movimento che troviamo spesso nei workout di fitness e non solo: l’affondo frontale è una posizione che troviamo anche all’interno delle routine di pilates e durante le asana di yoga. E’ inoltre un movimento che fa parte della nostra quotidianità e se vi state chiedendo a cosa mi riferisco, vi ricordo che tutte le volte che saliamo le scale, stiamo eseguendo un affondo avanti! E’ un esercizio che prevede il recrutamento della muscolatura del quadricipite e dei glutei. La sua funzionalità può essere ampliata aggiungendo l’uso di manubri, kettlebell o elastici al fine di aumentare il carico e la resistenza.

A chi è rivolto

Questo video è rivolto principalmente ad allieve principianti che vogliano apprendere con chiarezza come eseguire questo movimento.

Come prepararsi all’esecuzione

Ti consiglio di utilizzare, se puoi, dei pantaloncini o dei leggins: insomma qualcosa di aderente che ti permetta di osservare attentamente le linee che le tue gambe assumono. Puoi scegliere liberamente di usare o meno le scarpe a seconda della superficie dove stai lavorando.

Esecuzione

Posizionati con i piedi paralleli che seguano la larghezza delle tue anche: lancia la gamba destra davanti a te, piegando il ginocchio e portando su di essa il peso.Ti trovi dunque in posizione di affondo: con le due gambe che formano angoli di 90° tra la coscia e il sottogamba. Mantenendo comunque il peso distribuito tra la gamba davanti ed il centro del corpo, fai leva sulla gamba dietro e riporta la gamba destra in posizione di partenza. Puoi ripetere dalle 5 alle 10 ripetizioni per gamba, o dalle 10 alle 20 ripetizioni alternando affondi frontali a destra e sinistra. Il numero delle ripetizioni varierà in funzione del tuo livello di preparazione.

Errori da non fare

Non superare mai la linea ideale e perpendicolare tra il ginocchio della gamba davanti e le dita dei piedi. Non flettere ne estendere il busto e mantieni quindi sempre il bacino sotto le spalle. Non extraruotare ne intraruotare le ginocchia dopo aver raggiunto la posizione di affondo. Controlla sempre bene ogni parte del movimento e ogni parte del corpo coinvolta nell’esercizio.

Conclusioni

Esegui questo movimento da solo, per imparare ad eseguirlo correttamente e poi inseriscilo all’interno dei tuoi allenamenti prendendo spunto dalle indicazioni che ti ho dato più su! Buon allenamento!